Nuove norme tecniche sui professionisti ICT

Ho postato su Archivistica e dintorni un commento relativo alla presa di posizione della Direzione generale degli archivi sulla proposta Anorc di istituire una nuova figura professionale. Vi invito a visitarlo

Annunci

Rilevazione della professione archivistica – commenti a margine

Con la pubblicazione dei primi risultati e con i primi seminari sul tema – tra cui quello che stiamo organizzando in Ancona per il prossimo 4 marzo – si è aperto uno scambio di idee sulla attività svolta e da svolgere.

Vi invito a seguire il dibattito sul forum Archiviando (http://www.archiviando.org/forum/viewtopic.php?f=33&t=2143&p=6186#p6186) a cui stamattina ho contribuito con il post che qui vi riporto:

“Vedo con molto piacere che l’analisi dei dati del rilevamento della professione ha subito un’accelerata in vista della prossima assemblea nazionale.

Ottimo, il rischio era di trovarsi con dei dati invecchiati anzitempo, basti pensare alla recentissima variazione in materia di regime de minimis.

Rilevo inoltre, in nota alla comunicazione di Augusto Cherchi, il riconoscimento del “valore dell’acquisizione di esperienza che questo passaggio comporta e la messa a punto di un metodo di lavoro”. Il gruppo di lavoro di cui ho avuto l’onore e l’onere di fare parte ha sollevato più volte il problema e lo ha faticosamente affrontato in corso d’opera.

Credo che in questa prima operazione di rilevamento sia mancata l’attività di costruzione di un metodo preliminare, la qual cosa temo abbia influenzato la qualità e la quantità delle informazioni, comunque tante ed affidabili.

Sono convinta sostenitrice del fatto che se pure si sarebbe potuto fare qualcosa di più già in questa fase, si possa arrivare a risultati eccellenti con avvicinamenti successivi e, soprattutto, si debba fare del monitoraggio della professione non un’attività una tantum ma una attività continuativa.”

Catalogazione patrimonio librario di musica a stampa del Conservatorio G. Rossini di Pesaro

E’ uscito un bando interessante, che richiede competenze non comuni.

Il Conservatorio Rossini di Pesaro ha infatti indetto un bando di concorso per la catalogazione del patrimonio librario di musica a stampa della Biblioteca.

In bocca al lupo a chi vuole tentare la sorte!